La recente notizia riguardante Instagram limita il numero di hashtag che gli utenti possono aggiungere ai propri post, stabilendo un massimo di cinque tag per singolo aggiornamento. Questa limitazione è stata evidenziata da vari rapporti e risulta essere un cambiamento significativo nel processo di condivisione dei contenuti sulla piattaforma.

Un nuovo popup per limitare l’uso di hashtag

Un esempio lampante di questa nuova restrizione è stato condiviso da Jenn Herman, un’autorità nel campo di Instagram, e da Matt Navarra. Alcuni utenti, nel tentativo di aggiungere hashtag al proprio post tramite il compositore di Instagram, si sono trovati di fronte a un popup che li avvisava del limite imposto, impedendo loro di aggiungere ulteriori tag alla didascalia del post.

La decisione di imporre limiti al numero di hashtag può essere vista come una mossa sensata da parte di Instagram, considerando che anche Meta, la società madre di Instagram, ha posto restrizioni simili sul numero di tag utilizzabili su Threads. Questo approccio mira a contrastare gli spammer che sfruttano i tag più popolari per aumentare la visibilità dei propri contenuti, inserendoli in un numero maggiore possibile di argomenti di tendenza.

Sarà efficace questa nuova impostazione?

Tuttavia, sorge il dubbio sull’efficacia di questa misura, considerando che alcuni utenti potrebbero aggirare il problema aggiungendo più hashtag nel primo commento, pratica già adottata da alcuni. Questo approccio potrebbe già contribuire ad aumentare la portata dei propri contenuti.

Un’ulteriore riflessione riguarda la possibilità che Instagram possa limitare anche il valore di scoperta degli hashtag nei commenti o dei commenti aggiunti dal creatore. Questo potenziale sviluppo andrebbe valutato attentamente, poiché avrebbe un impatto significativo sul modo in cui gli utenti utilizzano la piattaforma.

Instagram testa nuovi limiti sul numero di hashtag che puoi aggiungere ai post. Novità e implicazioni sulla categorizzazione dei contenuti.

Come la piattaforma andrà a categorizzare i contenuti

L’imposizione di limiti sull’uso degli hashtag potrebbe riflettere un cambiamento nel modo in cui vengono interpretati e utilizzati questi identificatori. Gli algoritmi delle piattaforme social stanno diventando sempre più sofisticati nel categorizzare i contenuti senza la necessità di tag manuali. Questo potrebbe indicare una trasformazione nel processo di condivisione dei contenuti sui social media.

È importante per gli utenti di Instagram comprendere l’importanza di selezionare con cura gli hashtag e utilizzare tag più specifici e mirati per migliorare la visibilità dei propri post.

Sebbene cinque hashtag possano sembrare sufficienti, l’eventuale implementazione di queste restrizioni su scala più ampia potrebbe influenzare significativamente il processo di condivisione dei contenuti sulla piattaforma.

Siamo in attesa di ulteriori informazioni da Instagram riguardo a questo test e aggiorneremo questo post non appena avremo nuove informazioni.

AGGIORNAMENTO (15/2): Instagram ha confermato che si è trattato di un problema tecnico e non di un’esplorazione attiva di nuovi limiti sull’uso degli hashtag al momento.